domenica 6 dicembre 2009

E' NATA ARZIGNANO FUTURA



Nasce una nuova associazione di impegno civico, sociale e culturale ad Arzignano: è Arzignano Futura. Informare, partecipare, agire.

venerdì 5 giugno 2009

COME SI VOTA



Sulla scheda azzurra, se vuoi sostenere Città Futura 2.0 fai così:
1. segna con una croce il nome "Stefano Fracasso"
2. segna con una croce il simbolo "Città Futura 2.0" (terzo simbolo dall'alto)
3. scrivi accanto al simbolo nome e cognome di uno dei candidati della nostra lista (vedi di seguito)

LORELLA PERETTI
PAOLO ARMELLI
MARCO BERNABE'
PAOLO BERTINATO
STEFANO BOLCATO
DAVIDE DAL CASON
GIOVANNI DAL DOSSO
STEFANO FERRARI
MARCO LAZZARI
DOMINIQUE LOVATO
MARTINA MAGNAGUAGNO
MIRIAM MAGNAGUAGNO
ALBERTO MASIERO
LISA MASIERO
DAVIDE MOLON
VANIA MONTAGNA
PRISCILLA PORTINARI
MATTEO RIGONI
LUCA ROSSETTI
ENRICO ZAMPIVA

Concludiamo in bellezza!



I candidati di Città Futura 2.0 concludono la loro fantasmagorica avventura elettorale con un piccolo party nella fresca e innovativa cornice del B.Live, stasera dalle ore 21,30 a Villa Brusarosco. Spritz, birra, stuzzichini ed allegria (tanta allegria!) per andare tutti assieme fiduciosi verso il 6 e 7 giugno.

VI ASPETTIAMO IN TANTISSIMI!

giovedì 28 maggio 2009

I candidati di Città Futura 2.0 (2)



Davide dal Cason, 25 anni, studente
Mi presento: il mio nome è Davide Dal Cason, sono nato ad Arzignano ben 25 anni fa, e dopo aver trascorso la mia adolescenza a Chiampo sono tornato ad Arzignano e tuttora risiedo nel quartiere di Villaggio Giardino. Il liceo Da Vinci mi ha dato occasione di conoscere meglio la realtà di Arzignano, ed è proprio in quel frangente che ho potuto avere i primi contatti con l’allora prof. Fracasso, il quale già al tempo dispensava versi di poesia alternando formule di biologia. La fine dei miei studi liceali è coincisa con la scelta di cominciare l’avventura universitaria nel campo della psicologia sociale. L’analisi dell’ambiente lavorativo, i processi sociali e della comunicazione sono diventati il mio interesse maggiore, e dopo la prima laurea ben tre anni fa ora sto portando a coronamento il mio percorso formativo con la laurea specialistica nel prossimo giugno. Durante gli ultimi sei anni alternati tra Padova ed Arzignano, ho avuto l’opportunità di fare alcune esperienze importanti come il servizio civile, l’animazione nell’Azione Cattolica e soprattutto un periodo di studio all’estero, e più precisamente in Finlandia, dove ho potuto constatare che i giovani hanno ben altra considerazione da parte dell’intera società rispetto al nostro sistema Italia. Tutto ciò, e anche il supporto di Stefano, mi hanno convinto del fatto che le mie passate lamentele sui giovani sono inutili senza un apporto concreto alla mia realtà più stretta, e per questo ho scelto di espormi per poter portare idee nuove all’interno del nostro consiglio e per far contare i giovani Arzignanesi!


Marco Bernabè, 27 anni, praticante avvocato
Cari cittadini di Arzignano, mi chiamo Marco Bernabè e ho 28 anni.
Sono dottore in giurisprudenza dal gennaio 2006. Conseguita la laurea ho frequentato un periodo di stage (sei mesi) presso la Procura della Repubblica del Tribunale civile e penale di Trento. Nel settembre dello stesso anno mi sono iscritto alla Scuola biennale di Specializzazione per le Professioni Legali di Verona e Trento. Conseguito il relativo diploma ho deciso di concludere la pratica forense; pratica che tuttora svolgo in qualità di tirocinante a fianco di un giudice civile presso il Tribunale di Vicenza.
Ho deciso di candidarmi perchè credo che tutto ciò che succede, nel bene o nel male, sia opera dell'uomo. Perchè credo che se si vuole che le cose cambino siamo noi, prima di tutto, a dover cambiare. Perchè per cambiare non bastano le parole ma i fatti.
Ritengo che i presupposti fondamentali per sentirsi cittadini liberi siano innanzi tutto la cultura e la conoscenza. In particolare, credo molto nei diritti e nei doveri. Ma è evidente che questi rischiano di rimanere solo parole vuote senza la volontà e l'impegno concreto di portare la conoscenza di quei principi, valori, diritti e doveri che fondano la nostra comunità e ci fanno sentire cittadini. Voglio impegnarmi affinchè sia valorizzata la cultura alle regole e alla legalità e, ad esempio, affinchè il giorno del diciottesimo compleanno ogni ragazzo riceva in regalo dal suo Comune il testo della Costituzione. Ho deciso di candidarmi perchè credo in noi giovani, alla mia città: credo nel futuro. Perchè sono estremamente convinto che gli interessi della società, le regole, la giustizia, la sicurezza, siano di tutti indistintamente e non possano, dunque, essere limitati da contingenti ideologie. Perchè credo, infine, che la consapevolezza, come giovani cittadini, di essere il futuro del nostro paese ci dia una enorme responsabilità.
...non possiamo rimanere a guardare...
E' una sfida a me stesso e a tutti quelli che crederanno in questo progetto.


Alberto Masiero, 27 anni, impiegato
Ciao a tutti sono Alberto Masiero. Ho 27 anni ed abito a Restena.
Mi è stata offerta l’opportunità di candidarmi per la lista civica, “CITTA’ FUTURA 2.0” alle prossime elezioni Amministrative del 6/7 Giugno ad Arzignano.
Ho accettato la candidatura con lealtà ed entusiasmo in quanto credo in un impegno civico per amministrare la nostra Città, al di là delle dialettiche politiche e partitiche.
L’impegno che mi assumo è quello di una voce giovane per il futuro di Arzignano che sfocia nella sicurezza del lavoro e dell’ambiente.
Ritengo importante l’utilizzo sempre più intenso delle fonti rinnovabili con la creazione di corsi di qualificazione inerenti creando così nuove opportunità di lavoro per noi giovani che siamo il futuro del nostro territorio.
Come giovane credo fortemente che noi per “primi” dobbiamo far sentire la nostra voce per migliorarci e migliorare, portando nuove idee per un futuro migliore, più pulito e salutare per tutti.
I miei Slogan: Una voce giovane per il futuro di Arzignano; Arzignano per i giovani!; Giovani idee per Arzignano.


Davide Molon, 28 anni, ingegnere
Sono Davide Molon, nato 28 anni fa ad Arzignano.Vivo e lavoro come libero professionista nella nostra città, occupandomi di edilizia e risparmio energetico.Ho scelto di candidarmi con la lista civica "Città Futura 2.0" perchè penso che mettere a disposizione il proprio tempo per il paese in cui si risiede sia un forte segno di responsabilità per un cittadino orgoglioso del Comune in cui vive.Condividendo questa idea di partecipazione "attiva", con alcuni amici ho scelto di formare un gruppo, dove, malgrado la limitata esperienza dovuta alla giovane età, la creatività, l'impegno, la partecipazione per un obiettivo comune e condiviso non fanno difetto.Sostengo Stefano Fracasso perchè penso che in quest'ultimo mandato l'amministrazione abbia svolto bene il proprio compito, raggiungendo gli obiettivi che si era prefissata, e perchè sono convinto che la strada intrapresa sia nelle giusta direzione.Molte persone oggi sono orgogliose di vivere ad Arzignano: il nostro compito è che in futuro lo siano tutte.



Paolo Armelli, 21 anni, studente
Mi chiamo Paolo Armelli, ho 21 anni e studio Lettere moderne a Verona, perchè sono convinto che un giorno riuscirò a diventare giornalista o scrittore, magari tutte e due. Sono appassionato di poesia, arte, letteratura e di tutto ciò sia legato alla parola, alla sua potenza evocativa, alla sua espressività creativa. E son convinto che anche l’amministrazione di una città sia connessa, in qualche modo, alla parola, al dialogo che si instaura con i cittadini, all’intreccio di idee ed interessi che fa sì che una comunità sia ricca di incontri, appuntamenti, occasioni. In questi ultimi anni ho avuto l’opportunità di lavorare alla realizzazione di DisSensi, una manifestazione culturale di cui Arzignano può andare più che fiera grazie al prestigio raggiunto e all’interesse suscitato in queste varie edizioni. Conosco bene Stefano Fracasso (fra gli ideatori della rassegna, tra l’altro) e la sua concezione di città, per questo voglio impegnarmi affinchè con lui e con tutti noi Arzignano continui a vivere di idee, proposte culturali e opportunità per i giovani come me. Impegniamoci assieme.



Stefano Ferrari, 26 anni, studente
Mi chiamo Stefano Ferrari, sono nato il 4 giugno 1983 a Marostica ma sono sempre vissuto ad Arzignano. Ho passato tutta la mia infanzia a San Bortolo ma ormai sono quasi 15 anni che abito a Tezze. Sin da piccolo, ma penso sia abbastanza comune tra i bambini, mi è sempre piaciuto più giocare con gli amici che fare i compiti. La mia passione è sempre stata il calcio; ho iniziato presto, a 5 anni, nel campetto dietro casa fino ad arrivare a giocare nel Vicenza dove, dopo 10 anni di trafila nel settore giovanile, sono arrivato in prima squadra in serie B. Il mio sogno però si è interrotto a causa di innumerevoli infortuni e operazioni alle ginocchia da cui però sono riuscito a guarire in modo da permettermi comunque di continuare a giocare, sebbene in categorie più basse; attualmente gioco in serie D a Montecchio. Fortunatamente però mi sono impegnato sempre per conciliare lo sport con la scuola e dopo aver concluso 5 anni di superiori al Liceo Da Vinci di Arzignano, mi sono iscritto a giurisprudenza a Verona. E' dura tra sport e studio ma finalmente mancano ancora pochi esami per raggiungere la laurea triennale; poi ho comunque intenzione di finire anche la specialistica. Da poco invece mi sono fatto coinvolgere da questa esperienza con la lista città futura 2.0, formata da giovani ragazzi con cui mi sono subito trovato in sintonia e con i quali spero di riuscire a dare anch'io il mio piccolo contributo per dare continuità alla “visione” che Stefano Fracasso ha di Arzignano.

mercoledì 27 maggio 2009

I candidati di Città Futura 2.0 (1)



Miriam Magnaguagno, 24 anni, studentessa
Ciao Arzignano! Sono Miriam Magnaguagno sono nata e vivo ad Arzignano, ho 24 anni e dopo il diploma preso al Liceo artistico in indirizzo architettura, ho tentato la via universitaria che però si è bloccata al secondo anno per svariati motivi, fortunatamente ho trovato un’ occupazione e per 2 anni ho lavorato in ambito sanitario. Attualmente sto frequentando un corso O.S.S. per diventare appunto operatrice socio sanitaria con il desiderio poi di lavorare in ospedale, tema a me molto caro.
Ho molti interessi e non ho molto tempo libero ma non mi lamento non eliminerei nulla di quello che faccio in parrocchia, in un’associazione di volontari di primo soccorso e in comune.
E’ già da un anno infatti che faccio parte anche della consulta giovani del comune all’interno della quale organizziamo eventi,serate,manifestazioni per i giovani all’interno delle scuole, della biblioteca o anche nelle piazze sviluppando diverse tematiche, l’ultima per esempio trattava il tema del lavoro dopo la scuola e del rapporto scuola-lavoro..Questo è il motivo principale che mi ha spinto a far parte di questa lista civica formata da giovani uniti dall’ interesse comune per Arzignano,la nostra città il nostro futuro e quello dei nostri figli!!Siamo di schieramenti politici diversi ma non c’interessa, non siamo qui per rappresentare un partito ma delle idee che insieme hanno costituito un programma: quello del nostro candidato sindaco Stefano Fracasso.
Del nostro programma i punti che più mi stanno a cuore sono: arricchire l’Informagiovani con servizi più completi in modo che diventi un punto di riferimento per qualsiasi dubbio,curiosità o problema giovanile; rafforzare ulteriormente la rete lavorativa tra famiglia, comune, Ulss e scuola, credo che queste quattro realtà dovrebbero davvero vivere l’una con e per l’altra; avendo anch’ io il desiderio di formare una famiglia a breve m’ impegnerò perché i prezzi delle case siano il più agibile possibile soprattutto per noi giovani coppie per poi vivere più serenamente e liberamente l’essere famiglia.
Noi rappresentiamo la voce dei giovani di Arzignano, vogliamo vivere Arzignano in modo attivo, non passivamente. Grazie, ci si vede ad Arzignano!



Dominique Lovato, 36 anni, artigiano
Ciao sono Dominique Lovato, ho 36 anni e sono artigiano (settore mobili). Sono felicemente sposato da circa 6 anni e ho 2 bambine a cui tengo molto, come tengo molto alla mia Arzignano in cui sono nato e in cui abito tuttora.
Questa città mi rende molto orgoglioso; ha molto da offrire sia nel paesaggio che nelle attività sportive e nel sociale, ma soprattutto mi sento circondato da una bella comunità, per questo ho scelto di candidarmi, per poter ricambiare ed essere utile a mantenerla pulita e attiva.
La si può ancora migliorare, rendendola più a disposizione della sua gente per sentirla sempre più nostra. Spero mi darete la possibilità di farlo anche ma soprattutto ascoltando i vostri consigli. Ciao!



Martina Magnaguagno, 19 anni, studentessa
Sono Martina Magnaguagno e ho 19 anni. Sono nata il 19 Ottobre 1989 ad Arzignano, dove vivo nella zona del Parco dello Sport. Attualmente frequento la Facoltà di Economia di Verona, nella sede di Vicenza.
Mi piace uscire con le mie amiche, con le quali spesso vado in piazza, al Bar Nazionale o in città vicine. Il sabato pomeriggio svolgo attività di Animazione all’Acr di Villaggio Giardino. D’estate, abitualmente, faccio l’animatrice in campeggio e questo mi piace molto perché è un confronto diretto con gli altri, ravvicinato e costante, che lo stile di vita moderno, frenetico e indifferente, ci fa dimenticare.
La musica è molto importante per me, solitamente ascolto quella rock attuale e degli anni 70. Suono la chitarra e ho una band! Solitamente leggo quotidiani e, per rilassarmi, i fumetti. In televisione guardo programmi comici, politici e qualche film o telefilm. Uso il computer per comunicare con gli amici o per navigare su Internet.
Credo nei valori di rispetto e uguaglianza tra le persone. Ritengo importante il rispetto dell’ambiente e un progresso che rispetti la natura il più possibile, in quanto ogni piccolo gesto può fare la differenza. Credo nella Democrazia, nella Costituzione e nel buon senso comune. Diffido da chi maltratta donne, deboli, minoranze, o qualsiasi altra persona in generale. Mi auguro che i giovani, ma anche gli adulti, si informino e guardino alla realtà disincantati, obbiettivi, ponderando i fatti, slegati da pregiudizi o ideologie che non evolvono nel tempo, ma pensando alle conseguenze reali che una scelta può portare. Penso che i giovani possano aiutare la politica in quanto ritengo importante prendere in considerazione un punto di vista più dinamico e calato in una realtà in continua evoluzione.



Stefano Bolcato, 23 anni, studente
Si dice comunemente che i sogni facciano fatica ad avverarsi. L’idea che noi abbiamo di Arzignano, che io ho della città, però non è un sogno, anzi. La vedo nitida che si profila all’orizzonte, ed è un orizzonte vicino, vicinissimo. Quando la sera vediamo lo strato di inquinamento che opprime le pendici dei colli e nasconde le lontane montagne in una nebbia pesante, d’improvviso il cielo ci sembra vicinissimo, quasi da toccare. Ecco, l’Arzignano che vedo è molto più vicina, è qui, è alle porte. E non ha nulla in comune con i fumi dell’inquinamento, proprio nulla. Anzi direi che non sa proprio cosa siano, forse un lontano ricordo. Si nota un ordine essenziale nella disposizione delle cose, una pulizia non eccessiva ma estesa, un’assenza di rumori che la fanno luogo da sogno. Ma se ti avvicini, se percorri le vie, se chiedi qualcosa a un passante – perché ce ne sono molti, moltissimi di passanti – , essa ti si aprirà nel suo splendore umano, nella sua vita: ecco allora il vocio delle persone, i gridi allegri dei bambini che si nascondono tra le piante, le chiacchiere di mille lingue che riempiono l’aria della stagione estiva, la selva di profumi che accarezzano l’olfatto, profumi di botteghe che sanno di nuovo, profumi di donne a passeggio, profumi di cibo e di mercato. Questa città è un Eldorado, ma siamo davvero dove dicevamo? Lontani dal centro viaggiano veicoli silenziosi, credo a batteria, perché non emettono nessun orrido suono come il rombo del motore a scoppio che disturba la quiete intorno. L’aria che si respira è pura; nessun ricordo del tanfo della concia che ci ha sempre di distinti (Ecco la spusa, semo a Arsegnan!): ma la concia c’è e produce serenamente come non mai, c’è l’industria tutta eppure non sembra un’industria, la ricchezza si trasforma sul territorio in benessere diffuso. La gente sta bene, la gente si vuole bene, la gente è in piazza, ha tanto tempo libero, la gente non lascerebbe mai questo luogo, questa oasi di civiltà. E poi è estate. Il caldo non sembra nauseante, né l’umidità è insostenibile. Eppure una luce di mezzogiorno, intensa, riveste ogni cosa, senza ombre: riveste i tetti blu fotovoltaico, riveste i palazzi a edilizia sostenibile, le ampie superfici verdi, la pelle variegata della gente, investe la vita, la vita tutta. Mi allontano un poco dalla città, voglio tornare a guardarla da lontano, vorrei risentirla in solitudine e in silenzio, ma non riesco a cancellare i suoi profumi, i suoi suoni dalla mente: questa Arzignano è viva, è pulsante di vita nella mia testa; so che pulsa nelle vostre teste, nei vostri cuori. E non è un sogno: è realizzabile. Basta poco, molto poco. Basta volerlo.

martedì 26 maggio 2009

LORELLA PERETTI VICESINDACO DELL'ARZIGNANO FUTURA

Lorella Peretti, capolista di Città Futura 2.0 e attuale assessore ai Servizi Sociali e Mondo Giovanile, sarà il vicesindaco nella futura giunta del candidato sindaco Stefano Fracasso, come annunciato durante la grande serata di ieri, la Festa dei Giovani organizzata dalla nostra lista (presto le foto!).
Per la prima volta nella sua storia, Arzignano avrà un vicesindaco donna! E di Città Futura!
Lorella Peretti, il vicesindaco dell'Arzignano futura!